Tutto quello che c’è da sapere sulle assicurazioni viaggio

Per scegliere la giusta assicurazione viaggio è necessario, prima di tutto, pensare alle caratteristiche e alla destinazione del viaggio stesso. In linea di massima, comunque, una copertura base dovrebbe comprendere una polizza di assistenza medica e un'assicurazione relativa all'annullamento del viaggio. Chiedendo preventivi diversi a varie compagnie è possibile trovare le occasioni più convenienti e, al tempo stesso, scoprire i differenti livelli di coperture di cui è possibile beneficiare: insomma, non è difficile individuare la soluzione assicurativa più in linea con le proprie esigenze dal punto di vista della frequenza di viaggio, della durata dei soggiorni e delle destinazioni scelte.

Si può decidere, per esempio, tra una copertura single trip e una multi trip annuale: nel primo caso riguarda un singolo viaggio, per una durata complessiva di non più di 180 giorni, mentre nel secondo caso dura un anno intero e vale per tutti i viaggi effettuati in questo arco di tempo, senza limiti (ma a condizione che ogni viaggio duri non più di 31 giorni). La già menzionata assicurazione annullamento viaggio, invece, è una specifica copertura che viene chiamata in causa nell'eventualità in cui un viaggio venga cancellato. 

Scegliendo la migliore assicurazione viaggio si possono mettere al bando tutte le preoccupazioni e, in più, si è certi di evitare le ripercussioni economiche di potenziali imprevisti: se anche un inconveniente dovesse compromettere la vacanza, almeno si può aver la sicurezza di non dover spendere soldi in più. I casi in cui le assicurazioni viaggio tornano utili sono davvero tanti: si pensi, giusto per fare un esempio, alla circostanza in cui una persona assicurata è costretta a ritardare la partenza di un giorno per colpa di un guasto al treno, al traghetto o all'aereo prenotato. Molto importante, poi, è l'assicurazione sanitaria, che consente di essere tutelati se si ha bisogno di usufruire di assistenza medica, che sia per un infortunio, un malanno o qualsiasi altro tipo di prestazione sanitaria. Ma una persona assicurata ha il diritto di poter essere rimborsata anche se un suo parente di primo grado è vittima di un malore prima del momento della partenza, tale da provocare la cancellazione del viaggio (sempre che ciò sia previsto tra le clausole del contratto, ovviamente). 

Infine, un ultimo consiglio: chi viaggia tre o più volte all'anno farebbe meglio a sottoscrivere una polizza annuale invece che una ogni volta. Questa procedura permette non solo di risparmiare tempo e fatica, ma anche e soprattutto di risparmiare denaro, per di più con una protezione decisamente più ampia rispetto a quella di cui si potrebbe usufruire con un'assicurazione singola.

Lascia un commento