Videowall: tutto quello che c’è da sapere

Che vengano acquistati o presi a noleggio, i videowall professionali rappresentano uno strumento di comunicazione decisamente efficace e in grado di assecondare molteplici esigenze, per le aziende e non solo. Si tratta di maxischermi che sono costituiti da un certo numero di monitor, variabili a seconda delle dimensioni e degli obiettivi che devono essere raggiunti. Su ciascuno schermo vengono trasmesse delle immagini specifiche, che poi – unite tra loro – danno vita all'immagine intera che viene mostrata dal videowall: il principio è lo stesso di un mosaico, pur con le dovute differenze dal punto di vista tecnologico.

Il noleggio videowall può essere scelto per eventi, manifestazioni o convention: oggi, per altro, i monitor più recenti sono caratterizzati da cornici così sottili – il loro spessore è di pochi millimetri – che la visione dei contenuti risulta estremamente gradevole, al punto che le cornici stesse a una certa distanza appaiono praticamente invisibili. Su monitor così grandi, in effetti, uno spessore di un paio di millimetri è pressoché inesistente: di solito si va da un minimo di 1.8 millimetri a un massimo di 3.5.

Tutti i monitor che vengono utilizzati a questo scopo si contraddistinguono per la retroilluminazione a led diretta: ciò vuol dire che dal retro del pannello viene emessa la luce attraverso i led. L'obiettivo è quello di assicurare un livello di contrasto maggiore, una gamma di colori molto vasta e una purezza superiore dei bianchi. Un altro vantaggio di cui si può beneficiare è quello relativo al consumo di energia, che è molto ridotto: una caratteristica che non può certo essere sottovalutata, dato che si parla di monitor che in molti casi sono chiamati a funzionare a qualsiasi ora del giorno e della notte, 7 giorni su 7, con costi di esercizio che, quindi, devono essere il più possibile limitati.

Le fonti luminose garantiscono una bassa riflessione, che rappresenta la migliore soluzione in ambienti pubblici come i congressi, i centri commerciali, le manifestazioni, le borse valori, le banche, le stazioni ferroviarie e gli aeroporti. I maxischermi possono essere usati per spettacoli e congressi: insomma, circostanze che presuppongono un utilizzo limitato nel tempo, per poche ore o al massimo per pochi giorni. Appare evidente che in situazioni del genere non vale la pena di procedere a un acquisto, i cui costi non potrebbero essere ammortizzati nel corso del tempo: ecco perché è molto più utile approfittare del noleggio.

A seconda dello spazio che si ha a disposizione si può optare per videowall con formato di 2 x 2, di 3 x 3 o di 4 x 4, ma non sono da escludere soluzioni personalizzate e su misura. Lo stesso numero di monitor sia in verticale che in orizzontale fa sì che sia possibile conservare la proporzione di sedici noni, mentre la diagonale del monitor viene raddoppiata. A proposito, in genere la diagonale è di più di 100 pollici: ciò non incide, però, sulla nitidezza delle immagini, che grazie alle tecnologie più recenti sono sempre perfette. Gli schermi, infatti, si caratterizzano per l'alta definizione: il meglio a disposizione.

Lascia un commento